PRESIDENTE REPUBBLICA ITALIANA AD ALTAMURA

I BAMBINI SONO NEL CUORE DEL PRESIDENTE

Domenico - Margherita - Francesco 3 alunni del QUINTOC al MUNICIPIO di ALTAMURA - GIA'  PARTECIPANTI ALL'INAUGURAZIONE DELL'ANNO SCOLASTICO AL QUIRINALE - tutti a scuola 2009  - CHIEDONO L'AUTOGRAFO SULLA LORO FOTO CHE IL SITO DEL QUIRINALE PUBBLICA IN 1° PAGINA

Immagine descritta in didascalia

Immagine descritta in didascaliaImmagine descritta in didascalia

VISITA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, GIORGIO NAPOLITANO 
Altamura, 1 OTTOBRE 2009
 
 
 
 
 
"Dò fiducia perchè ho fiducia"
 
Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, farà visita ad Altamura nel pomeriggio di giovedì 1 ottobre, in occasione della visita ufficiale che terrà in Basilicata dall’1 al 3 ottobre.
Il Capo dello Stato arriverà ad Altamura intorno alle ore 18 circa. Sarà accompagnato dalla moglie, signora Clio Napolitano. Il presidente farà tappa al Comune .Subito dopo, a piedi, il presidente raggiungerà piazza Duomo per il saluto ai cittadini ed alle scolaresche e visiterà la Cattedrale, accompagnato dal sindaco e dal vescovo Mario Paciello. Dopodiché ripartirà per Matera. Lungo il tragitto urbano che sarà percorso dal corteo del presidente le strade interessate saranno chiuse al traffico con transenne ed operatori di polizia municipale
Notizie OnLine - L'informazione delle province di Bari e Matera  Domani visita Napolitano ad Altamura, arrivo previsto alle 18 Visita Napolitano ad Altamura, capo Stato incontrerà 8 parà

 

[Web Tv]L'arrivo di Napolitano
La cittadinanza di Altamura in festa

[Web tv] Giorgio Napolitano
Il Presidente della Repubblica parla agli imprenditori di Altamura

[Img]Presidente Napolitano
Altamura in festa per la visita del Presidente della Repubblica

FOTOGALLERY

TG 01.10.09 Napolitano in Puglia per "salvare" il salotto

Origine: www.rai.tv
 
PRIMA TAPPA AD ALTAMURA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, IN VISITA IN PUGLIA E BASILICATA. NAPOLITANO HA PARLATO DI MEZZOGIORNO E CRISI ECONOMICA

http://bari.repubblica.it/?ref=hpsbsx#accordion1

  • LEGGI Napolitano ad Altamura
  • LA LETTERA I lavoratori della Natuzzi scrivono al presidente
  • Il presidente della Repubblica in visita per tre giorni fra Altamura e Matera, poi proseguirà per la Basilicata. Il lavoro che non c'è è il filo conduttore di questo viaggio. Manifestazione degli operai Natuzzi: "Non possiamo vivere con 750 euro al mese"

Napolitano a Altamura "Più impegno per il Sud"


400 alunni della scuola San Francesco d'Assisi hanno marciato sul corso per accogliere il presidente NAPOLITANO.

Gli alunni hanno ricevuto il saluto del Vescovo Paciello di Don Nunzio, inventore del "Giornalino dei Bambini" e della signora CLIO Napolitano

napolitano ad altamura - by pierri (1).jpg

napolitano ad altamura - by pierri (4).jpg

napolitano ad altamura - by pierri (9).jpg

napolitano ad altamura - by pierri (11).jpg

napolitano ad altamura - by pierri (16).jpg

La direzione scolastica autorizza partecipazione di 15 classi elementari e una rappresentativa della scuola d’Infanzia.

CLASSE

INSEGNANTE

DESTINAZIONE

2^ F

* Incampo

Parteciperanno (fuori dall’orario di attività didattica)alla manifestazione una delegazione di allievi  della scuola d’Infanzia Vicenti e Rodari accompagnati dalle insegnanti (Pellicola A. – Tafuni – Lopedota – Garibaldi – Lacalamita – Pellicola F. – Franchini) e dai genitori dei bambini  

1.       CORSO FEDERICO II - Da Piazza della Repubblica Piazza Duomo    

2.       Capigruppo * Lorusso * Grimaldi  *Pierri  *Stolfa  * Incampo   

3.       Raduno e sgombero: Statua della Libertà in Piazza Duomo  

2^ D

Indrio

2^G

Calia

3^ F

*Stolfa

3^ C

 Picerno

4^ C

Pestrichella

4^ D

*Pierri

5^ A

Martimucci

2^ C

* Grimaldi

4^ A

Magliocco

5^ B

Montenero

5^ C

* Lorusso

5^ D

Fraccalvieri

5 ^E

Loiudice

5^ F

Ferrandina

Notizie OnLine - L'informazione delle province di Bari e Matera 

Il Presidente della Repubblica in visita ad Altamura e Matera

Bari, 1 ott. - (Adnkronos) - Un vero e propro bagno di folla ha contrassegnato la visita e la passeggiata del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ad Altamura, in provincia di Bari. Tra i doni ricevuti dal capo dello Stato in Municipio anche un libro consegnatogli da un consigliere comunale sul meridionalista altamurano Tommaso Fiore che il presidente ha mostrato di ricordare. "E' l'autore del 'Popolo delle formiche'", ha detto. Tra gli altri doni anche un modellino delle torri di Dubai alla cui costruzione ha contribuito un'azienda altamurana, una forma da 5 chilogrammi del tipico pane della citta', alcune maschere del Teatro Petruzzelli di Bari, due cd delle musiche di Francesco Saverio Mercadante e infine due gemelli d'oro rispettivamente con lo stemma del Comune di Altamura e della Republica Italiana.

È venuto ad Altamura, il «capoluogo» di uno dei poli industriali del Sud, in cui si fanno divani, poltrone e mobili che vanno in tutto il mondo, il presidente della Repubblica a fare un’iniezione di fiducia in una zone che, come tante altre nel Paese, con i posti di lavoro dimezzati in poco tempo, da quattordicimila a settemila, si sta misurando con la terribile e lunga crisi economica. «Sono qui perché ho fiducia nelle popolazioni meridionali che meritano di essere ben governate e ben amministrate e non di essere ignorate» ha detto il presidente Napolitano al termine della visita nella città, il prologo ad una serie di appuntamenti e incontri che per due giorni lo vedranno impegnato in Basilicata. Altamura ha riservato al presidente un’accoglienza d’eccezione. Folla lungo le strade, bambini con le bandierine, manifesti che raffigurano Napolitano con l’albero del ’99, opera d’arte in ricordo della Rivoluzione napoletana. In Comune l’incontro con gli imprenditori e poi una delegazione di operai della Natuzzi gli hanno fatto pervenire una lettera in cui esprimono la loro protesta per una cassa integrazione «applicata come fosse una punizione sulla base del rendimento ». «Ci vuole un nuovo impegno per lo sviluppo del Mezzogiorno nell'interesse di tutto il Paese. L'unità è questo: lavorare insieme perchè se non si sviluppa il Mezzogiorno non si sviluppa l'Italia» ha detto Napolitano sollecitando a «portare avanti la politica degli ammortizzatori sociali, dando sostegno ai lavoratori che perdono il posto, perchè avremo anche momenti più difficili di quello attuale».
 

Mancano circa due ore all’arrivo del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. La città è in fermento. L’attesa si legge sui volti curiosi della gente. Le prime scolaresche cominciano a disporsi sull’affollato Corso Federico II di Svevia. I bambini hanno preparato, per l’occasione, alcuni cartelloni. E per salutare il Capo dello Stato intoneranno l’Inno Nazionale. Nel frattempo sfogliano il “Giornale dei bambini di Altamura” che, nella sua seconda edizione (maggio 2008), conteneva il saluto augurale del Capo dello Stato al Vescovo, ai piccoli e alle famiglie. Una lunga serie di bandiere tricolore sono state posizionate, in collaborazione con l’Associazione “Bersaglieri” di Altamura, lungo le strade che saranno percorse dal corteo del Presidente. Gli applausi dei cittadini renderanno vive queste stesse strade, tappezzate anche di manifesti di benvenuto fatti preparare dalla Pubblica Amministrazione. È la seconda volta che la città murgiana ospita la massima carica della Repubblica. La prima volta si ebbe nel 1953, con il presidente Luigi Einaudi.

Napolitano è puntuale. Lo accompagna la moglie, Clio Napolitano. Alle ore 18 circa viene accolto dal sindaco di Altamura Mario Stacca presso il Palazzo di Città, dove, dopo il saluto ai consiglieri comunali e alla Giunta, incontra una delegazione d’imprenditori del settore del mobile imbottito. In Municipio, il Capo dello Stato riceve diversi doni. Tra questi, una forma da 5 chilogrammi del pane di Altamura, un modellino delle torri di Dubai alla cui costruzione ha contribuito una ditta altamurana, una poltrona dell'azienda Ferri, alcune maschere del Teatro Petruzzelli di Bari, due gemelli d'oro con lo stemma del Comune di Altamura e della Repubblica Italiana, due cd con le musiche di Francesco Saverio Mercadante e due gemelli d'oro con lo stemma del Comune di Altamura e della Repubblica Italiana.

«È l’autore del “Popolo delle formiche”»  esclama Napolitano quando gli viene consegnato un libro sul meridionalista altamurano Tommaso Fiore.

A precederlo nella sua visita in Cattedrale, la moglie, che percorre il tragitto dal Palazzo di Città a Piazza Duomo a piedi, accompagnata dalla moglie del sindaco Mario Stacca e dalla dott.ssa Domenica Anelli, responsabile del Servizio Cultura, Sport e Tempo libero del Comune di Altamura. Davanti al portale della Cattedrale ci sono, ad attenderla, il vescovo della Diocesi di Altamura-Acquaviva delle Fonti-Gravina, Mario Paciello, e Don Nunzio Falcicchio, rettore del seminario e direttore dell’Ufficio Comunicazioni Sociali della stessa Diocesi. Il Presidente raggiunge la moglie a piedi, accolto anch’egli dal Vescovo, da Don Nunzio e dall’Assessore alla Cultura del Comune di Altamura, dott. Giovanni Saponaro. Tra gli applausi e le voci della gente in festa, Napolitano, salutato da tre bambini che gli consegnano una fotografia, entra in Cattedrale per visitare l’edificio federiciano.

«Io do fiducia perché ho fiducia nella popolazione del Mezzogiorno… l’unità è lavorare insieme…» ha dichiarato ai giornalisti il Presidente prima di andare a Matera, la sua seconda tappa. Napolitano si fermerà in Basilicata fino al 3 ottobre.

 Anna Maria Colonna


"I nonni punto di riferimento per le famiglie italiane e nella vita sociale"

"Nella giornata dedicata alle nonne e ai nonni d'Italia desidero esprimere i sentimenti di riconoscenza del paese nei confronti di persone, talvolta molto anziane, che con il loro prezioso e sereno impegno costituiscono un punto di riferimento insostituibile per le famiglie italiane e nella vita sociale". E' quanto ha scritto il Presidente Napolitano nel messaggio rivolto alle nonne e ai nonni d'Italia nella giornata di festa a loro dedicata. "Grazie alla costante presenza affettiva, al patrimonio di conoscenze e di saggezza, ai legami con la memoria storica delle nostre comunità, alla disponibilità al dialogo, i nonni - ha affermato il Capo dello Stato - non solo concorrono generosamente alla crescita e alla formazione dei più giovani, ma contribuiscono concretamente, talvolta anche con un apporto economico essenziale nell'attuale fase di crisi, alla gestione della famiglia e allo svolgimento del ruolo che le spetta nella società. Di qui il dovere delle Istituzioni e della società civile di ricambiare lo straordinario e fecondo apporto dei nonni con una sensibile attenzione alle problematiche di questa stagione della vita.E' con sentimenti di partecipazione, e anche di ideale condivisione dell' emozione di questa giornata di festa, che rivolgo a tutti le nonne e i nonni d'Italia un fervido saluto augurale".

 

IL MESSAGGIO

Il Presidente Napolitano con alcuni bambini al Quirinale